Posts tagged alimentazione

Consigli per chi soffre di Colon Irritabile

Frutta e verdura fanno bene ma ATTENZIONE! quando si soffre di colon irritabile bisogna contenersi. Ad esempio la frutta troppo matura tende a produrre gas nell’intestino a fermentare e aumentare il gonfiore. Se tendiamo a soffrire di pancia gonfia e meteorismo, dobbiamo stare attenti a limitare le porzioni di mele, prugne, banane, melone, anguria, kiwi e uva. Se proprio non possiamo farne a meno, scegliamo la frutta un po’ più acerba, che presenta un minor rischio di fermentazione intestinale, e ricordiamo di sbucciarla sempre.
La frutta va consumata a fine pasto o a merenda? Dipende. L’ideale sarebbe mangiarla a colazione e come spuntino di metà mattino o metà pomeriggio, quando lo stomaco è vuoto, condizione che favorisce il massimo assorbimento delle vitamine. Se consumata con altri alimenti, rallenta l’intero processo digestivo, di qui effetti imbarazzanti come gonfiore e gas abbondanti e maleodoranti. Solo in qualche caso è consigliato mangiarla dopo i pasti: una fetta di ananas o di papaya alla fine di un pranzo o di una cena proteici, ad esempio, facilita la digestione per la presenza di bromelina e di papaina, due enzimi che favoriscono la demolizione delle proteine.

Evitare caffè, peperoncino, cibi troppo speziati e bevande alcoliche o gassate, fortemente irritanti per l’intestino, le gomme o le caramelle senza zucchero (fanno malissimo, sono una delle cause eziopatogenetiche della sindrome). Si a centrifugati, tisane, camomilla (un vero toccasana, io porto sempre con me una bustina di quella solubile, perchè soffro di fortissimi dolori improvvisi) e soprattutto regolare l’alimentazione in base alla propria attività intestinale, evitando l’indiscriminato uso di lassativi nei casi di stitichezza.

Importante è sottolineare che gli alimenti “negativi” non sono per tutti gli stessi, ed è pertanto necessario valutare singolarmente la dieta efficace per ogni singolo individuo. Il paziente può ad esempio adottare la strategia indicata per i soggetti affetti da intolleranze alimentari, che consiste nell’escludere ed includere gli alimenti in modo da verificare la reazione personale.

ALIMENTI A RISCHIO (potenziale flatulogenico elevato):

  • Latte e derivati
  • Dolcificanti
  • Marmellata
  • Frutta: pesche, pere, prugne, uva passa, banane, albicocche, succo di prugna, cachi, fichi, frutta secca, castagne, ciliege, anguria, melone, frutta sciroppata
  • Verdura: cavoli, carciofi, spinaci, rucola, cetrioli, cipolle, fagioli, sedano, carote, cavoletti di Bruxelles, radicchio, finocchio, cavolfiore, fagiolini, in genere tutte le verdure “dure” contenenti molto “gambo”
  • Fibre e cibi integrali (in alcuni casi migliorano la situazione, in altri la peggiorano, per questo bisogna tener conto se si soffre di diarrea o stitichezza)
  • Spezie
  • Caffè, tè, Coca Cola, e bevande contenenti caffeina
  • Bibite gassate
  • Legumi

Evitare dolci molto elaborati preferire quindi cibi semplici, introdurre non più di uno yogurt al giorno, mangiare lentamente e ridurre il più possibile lo stress emotivo, l’attività fisica ( dapprima moderata, poi a intensità crescente) può essere utile ad allenare l’intestino ad una certa motilità fisiologica.

Annunci

Comments (33) »

Di nuovo a terra!!

Prima di andare in vacanza vi avevo salutati felice e speranzosa, stavo benone, ricominciavo a mangiare i biscotti e la pasta all’uovo…sappiate che questa parentesi è durata molto poco, nel giro di qualche settimana ho dovuto rieliminare nuovamente l’uovo e strano ma vero anche la carne degli animali che fanno le uova, sembra assurdo ma la differenza mangiandola o meno la vedo e la sento! Che sto bene non lo dico più, soffrendo di colon irritabile sto male 7 giorni su 7, e nessuno può capire cosa significhi se non ne soffre, diarrea o stitichezza perenne, crampi addominali, nel mio caso anche nausee ecc… insomma una tortura che ti affligge in ogni momento della giornata! E guai a dirlo ad un medico!! ti rimpizza di ansiolitici che hanno utilità pari a zero…tirando le somme diciamo che ora vivo di insalata, carne unicamente di maiale e a volte coniglio (lo prendo dalla mia nonnina) pesce, riso, patate, pasta mai all’uovo, a volte melanzane o zucchine, prosciutto e melone, ananas…stop credo sia tutto, addio arance, pesche, cocomero, prugne, uva, kiwi, spinaci, peperoni, legumi, cacao, frittura, tutta roba che non digerisco affatto…addio a tutto ciò che gonfia o è pesante da digerire, neanche a pensarci roba gassata o pepe e peperoncino, caffè, bevande alcoliche…solo cibi sani e leggeri il tutto accompagnato da massicce dosi di camomilla!!!

Comments (2) »